basket.sportrentino.it
SporTrentino.it
D maschile

Sorpresa alla ripartenza del campionato

Il massimo campionato regionale di basket, riparte dopo la lunga pausa natalizia e dai recenti play-off di coppa, con una sorpresa che riapre il campionato, infatti il Rovereto, deluso del secondo posto in coppa, sconfigge la capolista Gardolo.

Il Gardolo di coach Guastamacchia, si fa sorprendere in casa dallo JBK Rovereto, venendo sconfitto con il punteggio di 69 a 79, replicando a poca distanza di tempo la sconfitta patita nella semifinale di coppa. Il Gardolo parte nel migliore dei modi, primo parziale in archivio con il punteggio di 21 a 12. Il Q2 è nel segno dell'equilibrio, entrambe le formazioni vanno a canestro con 25 punti per parte, 46 a 37 a metà partita. Il quarto così carico di azioni, pesa sulle gambe dei padroni di casa, costretti a contenere l'attacco degli avversari per tutto il parziale, 61 pari al suono della penultima sirena. Psicologicamente, gli ospiti guidati da coach Fumagalli, reduci anche dalla bruciante sconfitta in coppa, sono più preparati a gestire l'ultimo e difficile quarto, infatti lo dominano, lasciando al Gardolo solo le briciole, 8 a 18 e match che finisce con il punteggio di 69 a 79, sconfitta che riapre il campionato e le speranze dei roveretani stessi, che nei due ultimi turni hanno sconfitto le due prime della classe. "Gialli" a segno con Valer a quota 13, seguito da Della Pietra con 12, Claus e Gambino entrambe a quota 11. Nelle fila roveretane, Pizzini, Morellato e Zamboni, tutti a quota 11, seguiti da Matassoni con 10. Risultato che riapre il campionato e che ora vede al comando un terzetto, composto da JBK Rovereto, Gardolo e Virtus Alto Garda.

L'altra capolista, la Virtus Alto Garda, reduce dalla vittoria di coppa, non fallisce l'appuntamento casalingo contro il Valsugana, che viene sconfitto con il punteggio di 59 a 54. La Virtus di coach Raffaelli parte con il freno a mano tirato, forse la vittoria in coppa non aiuta, di fatto il primo parziale va in archivio con il punteggio di 11 a 16. Anche il secondo parziale è appannaggio degli ospiti, 23 a 29 a metà partita. La pausa lunga non aiuta per nulla i padroni di casa, capaci solo di non perdere ulteriore prezioso terreno, gli equilibri rimangono invariati, 35 a 41. Decisivo l'ultimo parziale, dove i padroni di casa si ricordano del proprio ruolo e della recente vittoria in coppa, giocando un parziale finalmente prolifico, mentre gli ospiti rimangono annichiliti per cotanta reazione. Gli 11 punti di differenza guadagnati, servono alla Virtus per evitare la sconfitta, ma sopratutto per conquistate la vetta della classifica, anche se in coabitazione con Gardolo e Rovereto. Maci a quota 13, seguito da Bailoni e Barbera con 12, più dietro Samb con 11. Nella formazione di Pergine, Lusente e Mariotti, entrambe a quota 11.

I Night Owls Trento di coach Caldara, vanno a perdere sul campo del Buster Verona, 73 a 63, dopo un match combattuto. Il primo parziale è molto equilibrato, 18 a 17 per i padroni di casa veneti. Nel Q2 la formazione di Trento, si porta in vantaggio, tanto che a metà partita si trova sul 37 a 40. Il rientro in campo è nel segno dell'equilibrio, tanto che le due formazioni rimangono incollate, sino al suono della penultima sirena, con il punteggio di 52 a 54. Decisivo, ma soprattutto letale per i "gufi", l'ultimo quarto, dove i padroni di casa mettono la freccia, viaggiando ad una velocità ben diversa che nei tre periodi precedenti e andando a vincere un match che può servire ai veneti per la conquista del quarto posto in classifica. Nelle fila trentine, bene Stevan con 16 punti, seguito da Molo con 11 e Rizzonelli con 10. Il migliore in campo dei veneti è Campolongo, autore di 17 punti.

Il Maia Merano, fra le mura amiche, subisce una delle peggiori sconfitte della stagione, uscendo con le ossa rotte, con il punteggio di 54 a 124, contro il Peschiera. Serata che parte male per la formazione meranese, subito sotto al temine del primo quarto, 10 a 36. Il Q2 vede un tentativo dei padroni di casa di arginare le velleità degli ospiti veneti, ma c'è poco da fare, 26 a 68 a metà partita. Dopo la pausa lunga, il treno dei veneti non si ferma, tanto che al suono della penultima sirena, il gap è siderale, 37 a 100. Inutile se non per la statistica l'ultimo parziale, fra l'altro il migliore per i meranesi, che chiudono il match sul definitivo e pesantissimo 54 a 123. Solo Botticelli in doppia cifra, 21 punti per lui. Babic del Peschiera il migliore in campo, 31 punti a referto e veneti ad inseguire il quarto posto in classifica.

Il derby di Bolzano, fra Piani ed Europa Basket, che concluderà la quarta giornata del girone di ritorno, di giocherà giovedì 23 febbraio.

Autore
Sandro Botto
© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,688 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video