basket.sportrentino.it
SporTrentino.it
A2 femminile

Il nuovo allenatore del Basket Club Bolzano è Massimo Romano

Il Basket Club Bolzano annuncia un gran bel colpo di mercato, affidando l’importante incarico di capo allenatore della prima squadra e responsabile del settore giovanile a Massimo Romano, un allenatore di lunga esperienza nazionale e internazionale, a livello senior e giovanile.

Una carriera in squadre importanti, già assistant coach della Reyer Venezia in A1, con la quale ha vinto uno scudetto e una Supercoppa fino a diventarne nella stagione 2021/22 primo allenatore con la partecipazione al vertice del campionato e all’Eurolega. Nella stagione appena conclusa è stato assistant coach di Lino Lardo (ex coach della Nazionale) a Ragusa in serie A1, semifinalista ai playoff.
Queste solo due tappe di una importante carriera iniziata in Campania e proseguita ad Alghero (dove conquista la promozione in A1), Rende, Napoli (dove nel 2007 da assistant coach vince lo scudetto), Alcamo, per poi tornare a Rende e Ragusa e 5 stagioni ad Orvieto, prima appunto del passaggio in Reyer.
Massimo Romano è anche stato per anni assistente della Nazionale Italiana Femminile, oltre che della Nazionale under 20 con la quale ha vinto tre medaglie agli Europei: un oro nel 2019, l’argento nel 2016 e il bronzo nel 2014.

Sicuramente un innesto molto importante per il Basket Club Bolzano che prosegue quindi nel puntare fortemente sulle qualità tecniche dei propri coach, come dimostrato in questi anni da coach Roberto Cico Sacchi.
Massimo Romano, che in questi giorni è a Bolzano per un primo contatto con la società e ha già visto all’opera la squadra U17, ha sposato con entusiasmo l’impegno di far crescere le giovani ragazze del BCB e puntare ad una serie A2 competitiva.

«Vorrei ringraziare il presidente Valer, - afferma il nuovo tecnico biancorosso - che mi ha dato la possibilità di allenare nella sua società, Alessandro Grazioli che mi ha fortemente voluto e contagiato con il suo entusiasmo e coach Sacchi per il lavoro svolto in questi anni a Bolzano, di cui sicuramente beneficerò nel tempo.
Bolzano è sempre stata una piazza importate e storica per il basket femminile ed il progetto di costruire passo dopo passo partendo dalle basi e quindi dal settore giovanile, un percorso vincente, combaciava con il mio desiderio di trovare una società di questo tipo. Al mio arrivo ho trovato subito un grande entusiasmo da parte di tutte le persone che lavorano per questa società. Per quanto riguarda la città di Bolzano non la scopro certo io, è un gioiello».
Il tuo che tipo di basket è e come vorrai impostare la squadra? Considerato che già tante avversarie di stanno muovendo e rinforzando ancora più delle precedenti stagioni, rendendo la serie A2 sempre più competitiva...
«Dipenderà molto dalle giocatrici che prenderemo, perché mi piace adattare il mio gioco alla squadra che ho per sfruttare al massimo la potenzialità delle giocatrici. L’unica cosa sicura che la mia pallacanestro non potrà prescindere da una difesa aggressiva. Sarà un campionato difficile, perché molte concorrenti si stanno rinforzando ed il girone sembrerebbe livellarsi verso l’alto. Questo è sicuramente un bene per tutto il movimento. Noi dovremo fare il nostro campionato cercando di far innamorare il pubblico di Bolzano di questa squadra».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,52 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video