Legabasket A
sabato 8 dicembre 2018
BASKET
Stavolta il finale in volata è beffardo, a Torino vince la Fiat

La Dolomiti Energia manca ancora l’appuntamento con la prima vittoria esterna in Serie A, perdendo a Torino contro la Fiat 86-84 al termine di un match combattuto per 40’: settima sconfitta in 9 partite di campionato per i bianconeri, che non sono riusciti a strappare i due punti ai padroni di casa nonostante la straordinaria prova offensiva di Devyn Marble (29 punti e 7/10 da 3) e nonostante i 54 punti segnati nei due quarti centrali. A decidere le sorti dell’anticipo del sabato torinese, un gran canestro di Wilson a 13” dalla fine.

La cronaca


Dopo il minuto di silenzio in memoria di Gianni Asti è la Fiat padrona di casa ad impattare meglio il match, segnando 9 punti nel giro dei primi 4 possessi offensivi (9-2): Trento regge l’urto con 8 punti consecutivi di Hogue e con i recuperi di Craft, portandosi anche a +5 prima di un 13-0 Fiat ispirato da Poeta e McAdoo (23-15).
I canestri di Hobson e i rimbalzi di Jaiteh danno continuità al buon momento dei gialloblù, che rimangono avanti nonostante i tentativi di rientro della Dolomiti Energia: i bianconeri litigano con il tiro da fuori e subiscono troppi punti in area (39-31), ma trovano improvvisamente linfa offensiva dalle mani di Marble e Gomes. Devyn arriva all’intervallo lungo con 15 punti e un perfetto 4/4 dall’arco dei 6.75, Beto (9) manda a bersaglio quella a fil di sirena che vale il 43-42 del 20’.
Marble continua il suo show personale salendo a 7/7 da 3 punti e la Dolomiti Energia riprende con la stessa qualità in attacco, ma anche con le marce alte in difesa dove Craft e Hogue sono su tutti i palloni: i bianconeri non scappano via solo per “colpa” di un paio di grandi triple di Delfino, un canestro di McAdoo dà il 65-69 con cui si entra nell’ultimo quarto.
Gli ultimi 10’ sono una feroce battaglia punto a punto: Marble (gioco da 3 punti) e Craft provano a prendersi sulle spalle la squadra, ma Torino trova ancora una volta nell’energia di Jaiteh e nella classe di Delfino le armi per rimanere a contatto. Wilson e Hogue si scambiano un paio di canestri, ma la stoccata del numero 0 a 11” dalla fine, a cavallo fra un paio di palle perse dei bianconeri, risolve la partita dando i due punti alla Fiat.

Le parole di Maurizio Buscaglia


«Abbiamo fatto un primo tempo discreto, ma avremmo potuto metterci più energia, intensità e attenzione difensiva, perché volevamo attaccare Torino in campo aperto e transizione. Nella seconda meta gara siamo riusciti a farlo, difendendo più forte e correndo maggiormente, ma poi sopra di 9 ci è mancata lucidità per gestire alcune situazioni chiave. Quando si arriva ai finali punto a punto si gioca anche con gli episodi, oggi abbiamo finito per perdere la gara».

In tabellino


Fiat Torino - Dolomiti Energia Trentino 86-84 (23-15, 43-42, 65-69)
Fiat Torino: Wilson 18 (6/8, 2/4), Anumba ne, Carr 7 (2/5, 1/3), Hobson 12 (3/3, 2/3), Guaiana ne, Poeta 4 (1/2, 0/2), Delfino 15 (0/1, 3/3), Cusin 6 (3/4), McAdoo 14 (4/9), Jaiteh 10 (5/5), Portannese, Moore (0/2, 0/1). Coach Brown
Dolomiti Energia Trentino: Marble 29 (3/8, 7/10), Pascolo 8 (4/6, 0/1), Mian 1 (0/1, 0/1), Forray (0/1, 0/1), Flaccadori (0/1 da tre), Craft 8 (4/6, 0/2), Mezzanotte, Gomes 18 (0/2, 6/13), Hogue 18 (9/12), Lechthaler ne, Jovanovi? 2 (0/2). Coach Buscaglia
Arbitri: Mazzoni, Weidmann, Pepponi
NOTE: Tiri da due: TOR 24/39, TRE 20/38. Tiri da tre: TOR 8/16, TRE 13/29. Tiri liberi: TOR 14/21, TRE 5/7. Rimbalzi: TOR 35 (Hobson 8), TRE 25 (Hogue 6). Assist: TOR 23 (Carr 6), TRE 20 (Craft 7). Recuperi: TOR 6 (Hobson 3), TRE 8 (Craft 6).

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Inserire almeno 4 caratteri