basket.sportrentino.it
SporTrentino.it
Legabasket A

Aquila, a Sassari con Bradford e Reynolds

L'head coach Lele Molin e l'ala grande Andrea Mezzanotte hanno presentato il prossimo impegno della Dolomiti Energia Trentino, in programma domenica alle 12 al PalaSerradimigni (diretta Discovery+) contro i padroni di casa della Dinamo Sassari. Al di là delle parole dell'allenatore e del giovane "lungo" bergamasco, la notizia è il recupero di Desonta Bradford e Cameron Reynolds, mentre resta in quarantena Wesley Saunders.

Mezzanotte alle prese con Filloy (foto Severino Bigi)
Mezzanotte alle prese con Filloy (foto Severino Bigi)

Le parole di Lele Molin

«Ci aspetta un'altra partita difficile in trasferta, in un momento del nostro calendario che come sapevamo è ricco di viaggi e di sfide contro grandi avversarie. Sassari è una squadra che ha cominciato la stagione raccogliendo meno di quanto avrebbe voluto, troveremo un'avversaria affamata di punti e di rivalsa che, dopo il cambio di allenatore, ha provato ad invertire l'inerzia. Il Banco di Sardegna è reduce da una vittoria convincente a Bologna contro la Fortitudo in cui ha messo in luce le proprie ottime qualità offensive, e di fronte al pubblico di casa cercheranno entusiasmo e continuità: mi aspetto una partita in cui potrebbero giocare un ruolo chiave l'esperienza e la capacità di leggere i momenti della partita di Logan e le qualità balistiche di Bendzius e Kruslin. Intanto noi ritroviamo Reynolds e Bradford, usciti dal protocollo Covid, mentre dovremo ancora fare a meno di Saunders. La gestione degli allenamenti in questa fare ovviamente ha dovuto tenere conto delle assenze, non c'era alternativa: abbiamo stretto e continuiamo a stringere i denti mentre affrontiamo un problema che peraltro tutte le squadre in un modo o nell'altro stanno vivendo».

Le parole di Andrea Mezzanotte

«Quella di Sassari per noi è una partita molto importante, in cui vogliamo fortemente tornare a vincere. Le ultime settimane non sono state facili, ma le abbiamo vissute con la giusta mentalità, cercando ogni giorno di migliorarci individualmente e di squadra. Con le tante assenze ho avuto un ruolo con più responsabilità e in una posizione diversa in campo, la mia buona prestazione offensiva con il Partizan è figlia anche del fatto che dopo aver sbagliato i primi tiri sono rimasto concentrato e non ho perso fiducia, avendo tante occasioni e tanti minuti per sbloccarmi e fare meglio. Domenica sarà importante non fare correre Sassari e limitare i loro tiri da tre punti, perché hanno veramente tanti giocatori capaci di colpire con grande efficacia dal perimetro».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video