A2 femminile
venerdì 2 novembre 2018
BASKET
Per la Valbruna Bolzano è tempo di derby

È tempo di derby. È tempo di sfida tutta bolzanina. Domani alle ore 18 sul parquet del PalaWalther va in scena quello che sarà l’inedito duello tra le due società altoatesine, una storica e una emergente, nel secondo campionato nazionale.
Quella a cui si assisterà sarà una gara chiave per il proseguo della stagione, ma, soprattutto, un record importante e raro per il movimento femminile, che si sdoppia in un’unica città: Bolzano infatti, insieme a Roma, è l’unica città d’Italia con due squadre iscritte al campionato di A2.
Due club che si conoscono bene, ma che nel rettangolo di gioco si sono incrociate solo nel campionato di B femminile. Da una parte il Basket Club Bolzano, guidato dal nuovo ed esperto coach Sacchi, reduce dalla sconfitta interna contro la Parking Graf Crema nonostante un primo tempo ben equilibrato.
Quattro sono i punti che hanno accumulato sino ad ora capitan Zambarba & C., espugnando il canpo della Libertas Sporting Udine e quello del Basket Ponzano. Gruppo consolidato e intenditore della categoria, spinto dalla mina vagante Sofia Fall, che viaggia a 13,6 punti per gara. Il mercato estivo ha portato due nuovi volti in casa BCB, che stanno dando un buon contributo alla causa: la lunga lituana, classe 1987, Jiulita Bungaite e la play/guardia rivana Elisa Mancabelli, classe 1994.
Da limitare saranno sicuramente le incursioni e la pericolosità della guardia Fall, oltre a evidenziare l’ottima gestione e il rendimento in crescita di Servillo, nelle ultime due partite in grande spolvero con 17 e 19 punti e tanti falli subiti. Sotto canestro due lunghe dai buoni movimenti come la sopracitata Bungaite e Villarini. Infine, da tenere d’occhio il tiro dalla lunga distanza di Ruocco (60% da tre) e le giovani esterne Cela e Pobizer che danno intensità e spesso sorprendono a rimbalzo offensivo.
Coach Pezzi potrà invece contare sull’entusiasmo della vittoria conquistata in terra varesina, che ha dato una scossa al campionato e ha regalato fiducia alle sue giocatrici. Spina nel fianco per ogni avversaria l’ala Nadia Mossong, che naviga a 16,8 punti per gara con uno straordinario 61% da tre, seguita da Mingardo (9) e Rossi (8,6). Ma ciò che intimorisce della matricola Pallacanestro Bolzano è il rendimento di gruppo, vero punto forte delle Sisters, lo stesso che ha permesso la vittoria ai danni della Pallacanestro Varese 95. Sebbene siano solo due i punti che ha raccimolato fino ad ora, Acciaierie Valbruna ha lasciato l’ultimo posto in classifica e punta a ricongiungersi al grosso gruppo della seconda fascia a quota quattro, al quale dovrà stare attaccato per il resto del campionato se vorrà ben figurare.
Una bella occasione quindi, soprattutto se giocata in casa e se disputata all’interno di un accesissimo e tanto atteso derby.
«Siamo due club che dimostrano grande vitalità e passione per la palla a spicchi, sono sicuro che la gara offrirà spunti di spettacolo e di interesse. - chiosa coach Pezzi - Ho vissuto molti eventi di questo genere, sia nella maschile che nella femminile, sono sempre state partite al cardiopalmo, di difficile pronostico e che tendono a sfuggire anche alle previsioni tecniche. Conterà il temperamento delle singole e l'iniziativa personale, anche se le nostre cugine godono di un leggero vantaggio frutto di molte annate nella categoria. Per noi è la stagione dell'esordio, possiamo permetterci un po' di sana incoscenza e cercare un risultato che sovverta il pronostico».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,438 sec.

Inserire almeno 4 caratteri