B femminile
domenica 13 maggio 2018
BASKET
La Pallacanestro Bolzano vince anche ad Ancona e vola in finale

Da oltre un anno Ancona non perdeva in casa. Ci hanno pensato le Sisters a violare il difficile campo con una gara entusiasmante. Eliminate le marchigiane, manca un solo ostacolo alla promozione. La finale con Parma.

La cronaca


Dopo la brillante vittoria casalinga nella prima gara dei playoff promozione, con una interessante dote in punti conquistata a Bolzano (+14), le ragazze di Sandro Pezzi hanno sfidato il Basket Ancona, invitto tra le mura amiche in questa stagione. Era stata messa in preventivo una gara difficile, ma le prime battute sono state da incubo ed hanno annichilito le Sisters.
Le padrone di casa, per recuperare lo svantaggio e rimettersi in corsa annullando la differenza canestri, hanno iniziato con una foga ed una intensità senza eguali. Trascinate dal pubblico amico e guidate dal valido tecnico Piccionne, hanno buttato il cuore oltre l'ostacolo, imprimendo un ritmo indemoniato e mal digerito dalle ospiti bolzanine. E mentre Ancona segnava a raffica, Bolzano appariva sfilacciata ed in un certo senso attonita. Nel breve volgere dei primi 8 minuti Ancona segna ben 17 punti, lasciando le altoatesine a quota 2. Dote di 14 punti di vantaggio polverizzata e gara da ricominciare. Una vera doccia ghiacciata.
Ma quando tutto sembra remare contro le biancorosse altoatesine affiora l'animo da battaglia delle Sisters ed anche la loro esperienza. Gli ultimi 2 minuti del 1 quarto regalano un primo segnale di inversione di tendenza, con una istintiva reazione, che argina l'esondazione avversaria. Il primo quarto finisce 19-9. Verrebbe da dire che se il buongiorno si vede dal mattino, siamo nella notte più nera e profonda. Ma Pallacanestro Bolzano, nel momento più critico fa fede al proprio grido di battaglia "mollare mai" e stringe le fila, reagendo con classe e nel breve volgere di 6 minuti, con tre bombe consecutive, aggancia sul 22 a 22 le avversarie. A tremare sono ora le ragazze anconetane, che si erano illuse in un crollo delle avversarie e che invece ritrovano sempre il macigno dei 14 punti da rimontare. Con la fiducia a Bolzano torna anche la fede incrollabile nella difesa, punto di forza di tutta la stagione ed arma vincente anche in questa gara 2 dei playoff. Al riposo di mezza gara Ancona è avanti di 2, ma per Bolzano la tempesta sembra essere passata e con la fiducia torna anche una maggiore fluidità nel gioco.
Le difese organizzate da Sandro Pezzi mettono in a crisi la squadra avversaria, forse ancorata mentalmente ai 40 minuti di "individuale" giocati da Bolzano in gara 1. Al ritorno in campo dopo l'intervallo cambiano i suonatori, ma il concerto è lo stesso. Bolzano "bunker" ed Ancona che tenta la rimonta con veloci folate a canestro. Anche il terzo quarto testimonia di un equilibrio (39-38), che ben difficilmente concede fughe in avanti alle due squadre. L'ultimo quarto si palesa quello decisivo, con Bolzano disposta a rallentare ad arte il gioco e con Ancona al tiro rapido cercando di diminuire lo svantaggio. Il finale al fotofinish inchioda il risultato sul 48 a 50, decretando l'impresa di Bolzano ed il passaggio alla meritata finalissima promozione.
La grande gioia per il passaggio del turno si spegne però a 20 secondi dalla fine, con Villarruel che in una entrata a canestro si infortuna in maniera abbastanza preoccupante. Per fortuna successivi ed immediati esami medici escludono fratture e lasciano speranze di un impiego futuro.
Per Ancona, oltre allo straordinario primo quarto, da segnalare la bellissima prestazione di Angelica Castellani (16), azzurra U18, sempre pronta ad infilare il canestro e la imprevista grande performance di Bolognini, esterna duttile e molto pericolosa sia al tiro che in penetrazione (18).
Per Bolzano, oltre ad uno straordinario spirito di gruppo che ha nella difesa il proprio punto di forza, impossibile non menzionare la prestazione di Dani e Miriam Harfner, che hanno trascinato le compagne di squadra con una forza di volontà veramente straordinaria. Poi Mossog MVP della gara, nonostante i molti falli subiti e una lucida Martina Luppi, che ha diretto alla grande le operazioni nonostante il recentissimo intervento subito al ginocchio.

Le dichiarazioni


«Abbiamo affrontato con grande attenzione l'impegno di Ancona, - dice Alessandro Pezzi - una squadra veramente forte ed organizzata, proiettata verso un luminoso futuro. Volevamo vincere ed espugnare il Palarossini, non difendere solo il vantaggio dell'andata. La bellissima partenza delle ragazze di coach Piccionne, al quale va la mia grande stima, ci ha quasi tramortito. Alla fine del primo quarto avevamo "dilapidato" il bottino costruito con sacrificio durante gara 1. Ma nel momento di maggiore difficoltà sono emersi i valori del gruppo che ho l'onore di gestire. Coraggio, entusiasmo e determinazione ci hanno consentito di rovesciare nuovamente l'esito della serie e di cogliere un successo che rimarrà tra le pagine migliori della nostra giovane storia. Adesso ci attende la finalissima contro Parma. Affronteremo l'impegno con i valori del nostro stare insieme e con la serenità di aver lavorato con entusiasmo e passione. Appuntamento a Bolzano sabato 19 o domenica 20 maggio al Palawalter di via Armando Diaz».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,484 sec.

Inserire almeno 4 caratteri