SporTrentino.it
A2 femminile

La Pallacanestro Bolzano sconfitta con onore dalla capolista

Continua la vita  in trasferta della Pallacanestro Bolzano. Dopo i match esterni sui campi della Umbertide (in Umbria), di Firenze, Cagliari e Patti i(n Sicilia), il club bolzanino ha incassato una onorevole sconfitta sul parquet della capolista Faenza.
È dal 2 gennaio che le Sisters non giocano tra le mura amiche del Palawalther.  I continui rinvii causa Covid, le tante gare da recuperare e l'incombente inizio della Coppa Italia hanno portato stravolgimenti al calendario. Questa volta il turno esterno per le Sisters  era nella tana del leone, in casa della prima della classe, che all'andata aveva dominato il confronto con le bolzanine. Nel match del girone di ritorno le cose sono andate diversamente.
La Pallacanestro Bolzano ha lottato con vigore e coraggio, forte di una ritrovata difesa. Nelle scorse settimane il lavoro in palestra è stato intenso ed i primi frutti si sono visti.

La cronaca

L'avvio vede Faenza molto precisa al tiro. Le bolzanine creano buone opportunità, ma difettano in precisione. Particolarmente contestata da coach Pezzi  la scarsa capacità della coppia arbitrale di sanzionare i falli sui tiratori. 
In occasione di uno dei tanti contatti sottocanestro,  la straniera di Bolzano Kuijt,  in entrata a canestro,  viene scaraventata a terra, senza che fosse rilevata infrazione alcuna. Purtroppo per lei, dopo il forte urto sul terreno,  la partita è virtualmente terminata. Utilizzata a  singhiozzo, relegata in panchina per lunghe pause e limitata da un costante dolore al fianco frutto della caduta, la forte giocatrice bolzanina non può contribuire con la sua classe allo sviluppo del gioco.
Nonostante l'handicap rilevante le ospiti biancorosse hanno cercato di rendere la vita difficile alle padrone di casa  e con una gara caparbia  reggono il peso della maggiore levatura tecnica delle romagnole. 
Primo quarto a favore di Faenza ( 17-7), secondo quarto vinto da Bolzano ( 18-19), terzo quarto ancora a Faenza (  16-7), a precedere il bel crescendo finale delle bolzanine nell'ultimo quarto ( 9-18).
Il tabellino parla di 8 falli fischiati in tutta la gara a Faenza, a fronte dei 19 fischiati a Bolzano, seppure il contesto fosse caratterizzato da un sostanziale equilibrio tattico e tecnico.
Guardando alla prestazione, da sottolineare l’ottima prova offerta da Morsiani, Soglia e Ballardini per Faenza. Per Bolzano brillante esordio della giovane Laura Garaffoni, ben spalleggiata da Chiabotto e Piermattei. Solida anche la gara sottocanestro di Fabbricini e Villarini.
Oltre all'infortunio a Kuijt, da segnalare anche un serio incidente occorso a Villarini, in azione peraltro priva di contrasti. L'entità dell’infortunio verrà valutata in settimana.

Villarini, vittima di un incidente di gioco
Villarini, vittima di un incidente di gioco

 

Le dichiarazioni

«Per noi era un impegno difficile – commenta il coach della Pallacanestro Bolzano Pezzi - In casa con Faenza avevamo perso in maniera netta. Volevamo dimostrare di essere tonici e reattivi e volevamo contrastare con dignità  le più quotate avversarie. Pare che le mie atlete abbiano ritrovato il gusto di difendere e di correre. La strada che abbiamo imboccato mi pare quella giusta.  Per essere del tutto competitivi su campi come questi rilevo dobbiamo aumentare l'incisività e la precisione in attacco. Qualche canestro in più avrebbe sicuramente reso più aperta la sfida».
«Alleno ormai da oltre 45 anni – aggiunge Pezzi - Non ricordo un campionato in cui per due mesi non abbia avuto la fortuna di giocare in casa. Oltre a ciò si alternano mesi con solo due gare ( la squadra non disputerà il turno casalingo del 20 febbraio contro Selargius rinviato per consentire recuperi del girone di andata e tornerà in campo a Bolzano il 28 febbraio contro Umbertide) e settimane dove si assommano da giocare invece tre gare per consentire i tanti recuperi. Una serie di montagne russe difficilmente gestibili a livello tecnico e di programmazione. Comunque andiamo avanti a testa bassa, con un obiettivo ben chiaro: la salvezza».

Il tabellino

E-WORK FAENZA - ACCIAIERIE VALBRUNA 60-51
E WORK FAENZA: Franceschelli 7, Schwienbacher 4, Morsiani 11, Vente 7, Porcu 6, Ballardini 12, Caccoli, Soglia 10, Meschi 1, Cappellotto, Brunelli 2.
ACCIAIERIE VALBRUNA BOLZANO: Kuijt, Fabbricini 5, Bonvecchio, Assentato, Marcello 2, Luppi n.e., Chiabotto 9, Piermattei 9, Garaffoni 14, Hafner 4, Villarini 8, Alberti n.e.
ARBITRI: Stefano Bonetti di Ferrara e Silvia Zanetti di Este.
PARZIALI: 17-7 (17-7), 35-26 (18-19), 51-33 (16-7), 60-51 (9-18).

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video