SporTrentino.it
Legabasket A

Verona ripescata in serie A? Buscaglia verso Pesaro

Dopo il riposizionamento di Pistoia, LegaBasket sta cercando una società disposta a subentrare in serie A e, stante il non interesse di Napoli a dispetto del forte pressing istituzionale, si è rivolta a Verona per riportare a numero pari le partecipanti alla stagione 2020-21. La Scaligera avrà 48 ore di tempo per dare una risposta, ma l’intendimento del club veneto è quello di provare a fare il grande salto, che prevede una quota di ingresso di 250.000 euro e una fidejussione da 250.000 euro per un budget stimato in 3,5 milioni di euro rispetto a 1,5 milioni previsti per la A2. Resta curiosa la scelta di LegaBasket, che dopo avere cooptato Torino, che a oggi è ancora controllata dal proprietario della Dinamo Sassari Stefano Sardara, ora punta ad aggiungere una nuova società, per sua stessa ammissione al momento senza budget, salvo poi rischiare tra qualche settimana di ritrovarsi di nuovo a numero dispari se una tra Cremona e Roma dovesse rinunciare al campionato. Vista da fuori sembra una palese contraddizione con la dichiarata volontà di tornare a un campionato con 16 squadre, l’unica spiegazione plausibile all’occhio dell’osservatore esterno potrebbe essere la forte convinzione di perdere sia Cremona sia Roma e di avere comunque bisogno di un reintegro per evitare che le effettive restino quindici.
Brescia è in dirittura d'arrivo per la firma di Tyler Kalinoski e di Giordano Bortolani, che arriverà in prestito dopo estensione quinquennale con Milano, che lo ha sotto contratto fino al 2021: entrambi gli affari andranno in porto dopo l'imminente cambio ai vertici societari con l'acquisizione della maggioranza delle quote da parte di Mauro Ferrari, che era stato finora sponsor con il marchio Germani. Meno avanzata la trattativa con Christian Burns, ma i margini di ritorno dell'italo-statunitense sono abbastanza elevati. Non praticabile la suggestione Alessandro Gentile, resta l'idea di uno straniero per ruolo con il canadese Kenny Chery, nel 2019-20 a Nanterre (24g,14.0ppg,2.8rpg,3.6apg) tra i papabili per lo slot di regista. Abboccamento anche per l'ex cremonese Ethan Happ, ma al momento il centro statunitense, ancora sotto controllo dell'Olympiacos Pireo, appare fuori dalle possibilità economiche della Leonessa.
La Fortitudo Bologna è attiva sul mercato alla ricerca di un’ala grande straniera che prenda il posto di Marty Leunen per il cui contratto si cerca una sistemazione o una transazione. Per ora attesa sul fronte del centro avendo Henry Sims clausola di uscita a luglio e sperando il club di convincerlo a restare. Intanto Roberto Breveglieri ha transato il contratto che lo legava a Reggio Emilia ed è tornato nei ranghi societari con la mansione di scout e coordinatore del settore giovanile.
Pesaro ha scelto Maurizio Buscaglia come candidato alla panchina. Il tecnico del miracolo Trento, prossimo a risolvere l'annualità residua del contratto a Reggio Emilia, ha ricevuto un'offerta pluriennale, che sta valutando con attenzione. Probabile, sebbene non scontato, che si vada verso un accordo prima della fine della settimana.
Cantù ha definito il colpo Jordan Bayehe: il 20enne camerunese di formazione italiana, reduce da un'eccellente stagione in A2 a Roseto, ha firmato un accordo biennale con il club canturino, che lo alternerà a tre giocatori in quota stranieri nel reparto lunghi. Definita anche la conferma su base annuale dell'esterno Andrea La Torre che sarà il quarto italiano nelle rotazioni del 6+6 di Pancotto.
Varese torna a pieno ritmo sul mercato per formare una nuova asse straniera playmaker-centro. Vicina la risoluzione del contratto con Josh Mayo, che si ricollocherà in A2 tra Napoli e Scafati, è ufficiale l’uscita dal contratto di Jeremy Simmons, che si è legato fino al 2022 in Turchia al Tofas Bursa.
Trieste ha ingaggiato Franco Ciani, classe 1961, come vice allenatore di Eugenio Dalmasson e ha riformato la stessa coppia che nel 2017 era alla guida della nazionale Under 20. Il club triestino, che oltre a Tommaso Laquintana segue Michele Ruzzier per il ruolo di playmaker, è ormai ai dettagli per l’ala grande lettone Andrejs Grazulis, uno dei migliori giocatori della A2 nel suo ruolo a Tortona, che potrebbe firmare già prima del weekend. Intanto è stato ufficializzata la ridiscussione dell'accordo che manterrà nel capoluogo giuliano fino al 2022 il playmaker italo-argentino Juan Fernandez.
Tinte sempre più fosche per il futuro di Cremona, che un passo per volta sta liberando giocatori e membri di staff tecnico e societario. Il patron Aldo Vanoli ha proceduto a pagare l’ultima rata FIP, ma senza un forte aiuto economico di un nuovo main sponsor o di nuovi soci non iscriverà la squadra al campionato. Il club potrebbe essere in vendita per una cifra stimata in 500.000 Euro, ma non si vedono all’orizzonte acquirenti interessati ad affrontare una stagione di serie A. Un gruppo di tifosi ha lanciato una sottoscrizione, di cui è possibile seguire in tempo reale l’andamento, per raccogliere i fondi necessari a salvare il club, ma l’impresa a oggi pare disperata.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,156 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video