Legabasket A
mercoledì 8 gennaio 2020
BASKET
Domani a Istanbul il primo match delle Top 16 di EuroCup

Domani sera la Dolomiti Energia comincerà la propria avventura nel secondo turno di EuroCup, giocando sul campo dell’ambizioso Darussafaka.

Probabili quintetti
Darussafaka: G – Gary Browne, G – Sinan Guler, F – Doron Lamb, F – Jarrod Jones, C – Johnathan Hamilton
Trento: G – Aaron Craft, G – James Blackmon, F – Alessandro Gentile, F – Davide Pascolo, C – Rashard Kelly

1) Cento, mille Aaron Craft
L'emozionante partita contro la Segafredo Virtus Bologna ha mostrato una Dolomiti Energia Trentino in crescita sotto tanti punti di vista e capace di confermare, con un secondo tempo di qualità e cattiveria agonistica, gli ottimi segnali arrivati nelle due vittorie contro Trieste e Varese.
Con l'esplosione offensiva di Blackmon nel terzo quarto (4 su 5 dall'arco dei tre punti) e i canestri da campione di Ale Gentile (quattro triple anche per lui) i bianconeri per la terza volta in stagione (la seconda consecutiva) hanno segnato più di 10 triple di squadra, e nelle ultime tre partite di campionato la squadra di coach Brienza vanta un eccellente 37 su 75 dall'arco.
Nel frattempo contro le Vu Nere Aaron Craft ha disputato la sua partita numero 100 con la maglia dell'Aquila e tagliato il traguardo dei 1.000 punti segnati in bianconero (1.005): il playmaker dell'Ohio vestendo i colori bianconeri fra campionato ed EuroCup ha totalizzato 438 rimbalzi, 516 assist e 224 palle recuperate in 2.942 minuti sul parquet.

2) Cose turche
Trentacinque punti. Sono il magro bottino che la difesa del Darussafaka aveva permesso di ottenere all'attacco di Brescia durante una partita della prima fase della coppa. Un record storico per la competizione che rende l'idea di che tipo di difesa e di fisicità la squadra turca sia capace di mettere in campo: la formazione di Istanbul ha preso parte a tre delle ultime quattro edizioni di Eurolega, e nella stagione di assenza (il 2017-18) ha trionfato proprio in EuroCup, quando i turchi trascinati dai canestri dell'MVP Scottie Wilbekin batterono in finale il Lokomotiv Kuban.
Nel Darussafaka versione 2019-20 i volti più noti sono l'ex Pesaro Jarrod Jones (10.6 punti e 6.3 rimbalzi di media nella regular season) e la dinamica ala in uscita da Notre Dame Bonzie Colson (10.8 punti in meno di 21' di gioco), ma il più sorprendente è il lungo Johnathan Hamilton che si sta rivelando uno dei centri più impattanti della competizione grazie ai suoi 12.1 punti, 8.7 rimbalzi e quasi 2 stoppate di media.
Fisicità, compattezza, difesa aggressiva, blasone continentale. Trento per aprire le Top 16 con il botto dovrà giocare la partita perfetta, provando a ripetere i colpi esterni che in campo europeo i bianconeri hanno già messo a segno a Podgorica, Gdynia e proprio a Istanbul contro il Galatasaray.

3) Top 16
La seconda sfida del gruppo E di Top 16 va in scena a Belgrado, dove sempre mercoledì con palla a due alle ore 20.00 si sfidano il Partizan e la Virtus Bologna in una sfida tutta dal sapore "italo-serbo" di alta classifica.
Le altre due italiane impegnate in 7DAYS EuroCup sono entrambe nel gruppo F: Brescia debutta martedì sera in casa contro Patrasso, Venezia invece comincia in trasferta sul campo di Oldenburg.

Le dichiarazioni


«Iniziamo questa seconda fase di 7DAYS EuroCup con grande entusiasmo, - dice Nicola Brienza - con il piacere di esserci e con la consapevolezza che il livello qualitativo delle avversarie e il livello di sfida aumenta ancora. Domani giochiamo contro una squadra, il Darussafaka, che nella sua recente storia ha anche vinto questa coppa e poi ha giocato in Eurolega; è quindi un club abituato a giocare per vincere e ad alto livello. Quest'anno hanno un roster davvero interessante, con un bel mix di giocatori americani di grande atletismo e talento unito ad un gruppo di turchi che hanno qualità, conoscenza del gioco ed esperienza di questo tipo di competizioni. Noi ci prepariamo a questo affascinante impegno con la voglia di giocare una partita in linea con quello che abbiamo dimostrato nelle ultime settimane, in cui sarà importante essere aggressivi e "sul pezzo" per tenere la partita viva per 40' provando a giocarcela nel finale. Non sarà facile, ma c'è grande volontà di provarci e di iniziare al meglio questa seconda fase di EuroCup che ci mette di fronte a tre squadre che hanno tutto per vincere la coppa».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,109 sec.

Inserire almeno 4 caratteri