B femminile
venerdì 22 novembre 2019
BASKET
La Cestistica Rivana pronta per sfidare l'ultima della classe

C’è sempre una prima volta ed è questo che in qualche modo fa paura alla Cestistica Rivana Agl chiamata sabato sera ad affrontare il fanalino di coda Oma Trieste. Fino ad ora le ragazze di coach Cinzia Pelizon le hanno perse tutte, ma attenzione a scendere in campo come se la pratica fosse un semplice formalità. Se a Bolzano le han prese di santa ragione (99-43), così come nel derby triestino (50-101), De Barba e compagne con Rovigo sono state in partita sino alla fine (54-63). Per le trentine, quindi, si tratta semplicemente di giocare come sanno, verticalizzare in modo da poter sfruttare al meglio il potenziale offensivo delle lunghe, Ceccardi ed Herrera, e quindi concedere alle due esordienti, Ferreyra e Piermattei, un rodaggio soft.

Le dichiarazioni


«Siamo arrivati al primo terzo di campionato e ci apprestiamo ad affrontare un altra trasferta in quel di Trieste. - dice Sergio Ferraglia - Ci accingiamo a questa trasferta forti di una settimana di lavoro dove l'arrivo di Kiki e il recupero di Piermattei ci hanno permesso di alzare notevolmente il livello di intensità. Archiviata l'amara sconfitta con Muggia, vogliamo riprendere immediatamente la retta via anche per prepararci a questo finale di girone d'andata, che nelle ultime quattro giornate prevede nell'ordine Junior San Marco, Thermal Abano, Bolzano e Treviso, formazioni dall'alto profilo tecnico e fisico. Ripartiamo da una partita persa, giocando male, ma che abbiamo comunque rischiato di vincere e questo ci deve dar fiducia perchè credo che i margini di miglioramento di questo gruppo (finalmente al completo) sono notevoli. Takrou è out, a causa dell'infortunio subito al ginocchio nell'ultima partita, ma l'attendiamo a breve visto che i medici hanno ridimensionato la gravità iniziale».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,109 sec.

Inserire almeno 4 caratteri