Legabasket A
lunedì 20 maggio 2019
BASKET
Venezia vince la prima: per Trento c'è poco da salvare
di Sergio Zanella

Una partita nervosa e davvero brutta da vedere ha premiato con merito Venezia, capace di fare suo il primo atto della serie. Per Trento, sconfitta per 67-57 c'è davvero poco di cui essere felici, perchè, al netto di una buona partenza, il quadro è impietoso: 32 punti nel primo quarto e 35 nel resto della partita, con un contributo dalla panca praticamente nullo e un gruppo italiano che è nettamente il peggiore tra quelli arrivati ai playoff. E la cosa che dà più da pensare, oltre alle solite enormi difficoltà ai liberi (57% con la bellezza di 33 tiri) e da 3 (2/13), è che a Trento c'è ormai da qualche settimana aria di smobilitazione, con tanto di tifosi che, ormai spazientiti, criticano apertamente Flaccadori (pronto per trasferisi a Monaco), Mian e Pascolo per lo scarsissimo contributo. Le critiche coinvolgono ormai anche Buscaglia, che radio mercato dà in direzione Brescia dopo il lunghissimo matrimonio con la società di Piazzetta Lunelli.
Parlare di mercato è comunque prematuro e sbagliato, ma se ci concentriamo sul basket giocato resta poco di cui essere felici, a maggior ragione se in gara 1 gente come Watt o Daye è stata praticamente ininfluente. Cosa serve per vincere? La difesa del primo quarto e, soprattutto, un contributo costante dei quattro punti di riferimento: Craft, Beto, Hogue e Marble, se questi giocatori nei playoff non vanno in doppia cifra di media per Trento non c'è praticamente nulla da fare.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Inserire almeno 4 caratteri