Legabasket A
venerdì 19 ottobre 2018
BASKET
L'angolo del basket: week 3
di Sergio Zanella

Dietro l'avvio lento della Dolomiti Energia Trentino ci sono così numerose spiegazioni possibili che risulta difficile trovare il motivo principale. Tra controprestazioni personali, difficoltà al tiro e impotenza a rimbalzo la compagine trentina sta infilando una serie di insuccessi davvero preoccupanti. Ciò che più preoccupa, però, è la scarsa propensione a lottare degli aquilotti, che, in chiaro ritardo di condizione fisica, non riescono mai a mettere in mostra le loro proverbiali rimonte.
In tutte le sconfitte fin qui accumulate, 5 in 6 uscite, la Dolomiti Energia ha sempre finito per essere demolita con il passare dei minuti, perdendo riferimenti in attacco e finendo per essere annichilita in difesa, specialmente nel controllo dei tiri sbagliati dagli avversari. Trento, storicamente una squadra dalle basse percentuali, non può infatti permettersi di concedere troppi rimbalzi offensivi agli avversari, con l'ultima partita contro lo Zenit che è la chiara cartina di tornasole dell'assenza di forze fisiche degli atleti trentini.
A tutto questo posto si assomma poi la situazione fisica di un Devyn Marble che, da primo terminale offensivo dei trentini, si sta invece trasformando nell'anello debole della cintura difensiva dei trentini. L'unica speranza aquilotta è quindi quella di una crescita dei suoi uomini più significativi, Marble e Pascolo, e di un rapido ritorno in campo di Beto Gomes.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Inserire almeno 4 caratteri