Legabasket A
lunedì 8 ottobre 2018
BASKET
Domani sera per la Dolomiti Energia c'è l'impegno contro l'Asvel

Dopo il vortice di "prime" in Supercoppa, EuroCup e campionato, la Dolomiti Energia ha trascorso in palestra la domenica in vista del match di martedì sera a Villeurbanne, in Francia, e più in generale di una settimana caratterizzata da due trasferte su campi insidiosi. Dopo quella all'Astroballe, valida per il Round 2 di regular season in 7Days EuroCup, i bianconeri giocheranno domenica sera a Cantù (ore 20.45, diretta Rai Sport HD) nella seconda giornata di campionato di Serie A.

1. Off the bench
Pur negli alti e bassi che hanno caratterizzato le prime tre partite di questo inizio di stagione, la squadra bianconera ha saputo alternare tanti protagonisti nella metà campo offensiva, dando la sensazione di essere alla ricerca di un gioco corale ancora da "lavori in corso" ma che sta cominciando ad affiorare: al netto di una condizione fisica ancora lontana da quella ideale (come normale all'inizio della stagione, specie con il doppio impegno), l'Aquila sta provando a crescere dal punto di vista della circolazione della palla in attacco e nelle rotazioni difensive.
Talento ed energia dalla panchina non sono mai mancate: i giocatori partiti "seduti" hanno realizzato 28 punti (su 72) contro Torino (14 di Forray, 9 Mezzanotte), 32 (su 82) contro il Partizan (Forray 14, Hogue 9) e addirittura 47 nel match perso con Cremona dopo due supplementari (19 e 7 assist di Radicevic, 17 + 5 di Flaccadori). Insomma, le frecce all'arco del coach 501 volte sulla panchina di Trento sono anche quest’anno parecchie.

2. L'ex della partita: David Lighty, l'uomo record
Nella breve ma intensissima storia della Dolomiti Energia Trentino in Serie A, con la maglia bianconera si sono visti in campo tanti eccellenti realizzatori, in ogni posizione del campo e in ogni ruolo: dal funambolico Tony Mitchell all'istinto puro di Julian Wright, passando per la potenza di Dominique Sutton e arrivando all'elegante efficienza di Shavon Shields e Devyn Marble. Nessuno di questi però ha mai segnato, in una singola partita, gli stessi punti mandati a referto da David Lighty contro Varese di fronte al pubblico di Trento il 18 dicembre 2016: quella sera David, oggi pedina chiave dello scacchiere dell'ASVEL VIlleurbanne, ne mise a referto 34 al termine di un match dominato dai bianconeri. Le folate offensive di Lighty, completamente "in the zone", lo resero capace di chiudere con uno strepitoso 14/23 dal campo (4/5 dall'arco): fra Serie A ed EuroCup, con la maglia di Trento, nessuno come lui.

3. On va jouer à "Euroleague"!
Rispetto allo scorso anno, quando Trento e Villeurbanne vinsero una gara a testa nel girone di regular season (entrambe vittorie della squadra in casa). l'ASVEL è cambiato parecchio dentro e fuori dal campo: non è un segreto l'ambizione dei francesi di partecipare all'Eurolega 2019-20, e per arrivarci "preparato" in estate il club di Lione si è dato una nuova veste grafica e nuovi colori sociali (bianco e nero, abbandonando il verde) imposti dall'arrivo di un importante main sponsor (LDLC, azienda leader nel settore della tecnologia in Francia). Di alto profilo anche l'assemblaggio di un roster che, con coach Zvezdan Mitrovic in panchina, avrà tutto per insidiare le big dell'EuroCup. Mantas Kalnietis è il "colpo" più noto, le conferme di AJ Slaughter, DeMarcus Nelson, Charles Kahudi e lo stesso David Lighty danno la misura di quanto i 18 volte campioni di Francia credano nel gruppo arrivato lo scorso anno ai quarti di finale.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Inserire almeno 4 caratteri