A2 femminile
venerdì 4 gennaio 2019
BASKET
L’Itas Alperia a Vicenza per la prima trasferta del 2019

Per le ragazze del Basket Club Bolzano i giorni di riposo non sono stati tantissimi, perché in questo periodo dell’anno, quando mancano ancora due partite alla fine del girone di andata, non ci si può permettere di interrompere gli allenamenti troppo a lungo. Quindi escluse le giornate di festa canonica, la preparazione è proseguita, non a pieno ritmo, ma incessante.
Intanto c’è grande fermento tra le varie società, che si stanno rinforzando con vari cambi importanti sia tra le giocatrici sia a livello di tecnici. Si modificheranno quindi gli equilibri e saranno tutti quintetti da rivedere, per capire questi nuovi innesti e cambi di casacca quanto influiranno.
Chiuso il 2018 è quindi tempo per fare un primo bilancio ed è proprio quanto abbiamo chiesto a coach Sacchi: «Il bilancio è abbastanza positivo, perché comunque siamo arrivate al 31 dicembre con 14 punti in classifica, ottavo posto solitario davanti a squadre più blasonate e con maggiori ambizioni. Con gli infortuni che ci sono successi, soprattutto quello di Chiara e i problemi che ne sono sorti, non era scontato. Siamo riuscite ad ottenere due importanti vittorie in casa contro due dirette concorrenti diciamo che anche se io non sono mai contento e ho ancora sullo stomaco le due partite di San Martino e Albino, ko arrivati subito dopo l'infortunio di Villarini, tutto sommato se mi avessero detto ad inizio stagione che avrei potuto chiudere il 2018 con 14 punti ci avrei messo la firma. Dobbiamo però tenere presente di non aver ancora fatto nulla, perché tutte le squadre dietro si stanno rinforzando e non tutte sono nella posizione dove dovrebbero essere e con tre retrocessioni, io continuo a ripeterlo, il campionato è veramente lungo e non bisogna mai adagiarsi. Chiaro che dobbiamo cercare di fare il massimo durante la settimana e scendere in partita il week end nei migliori dei modi, poi il campo dirà chi merita. Ripartiamo quindi a testa bassa».
Dopo la pausa, sabato 5 gennaio riprende il campionato a Vicenza contro una squadra in piena salute dove in questa stagione si è accasata Ivona Matic che per due anni ha giocato a Bolzano: «Sì, sabato affrontiamo una squadra reduce da cinque vittorie di fila, compresa quella della penultima giornata contro Crema, agguantata grazie ad un canestro di Chicchisiola allo scadere. - prosegue Cico - Una squadra quindi in grande salute, due punti avanti a noi in classifica e con un morale altissimo. Partita un po’ in sordina ha ora trovato la quadratura giusta, soprattutto in difesa, dove concede poco o nulla alle avversarie, una delle migliori difese del campionato e questa al momento è la sua arma migliore. In panchina siede un certo Aldo Corno, che non ha assolutamente bisogno di presentazioni e che infatti sta facendo veramente un gran lavoro.
Vicenza oltre ad avere una nostra ex, Ivona Matic, giocatrice BCB nelle ultime due stagioni è una squadra mista tra esperienza e gioventù: la capitana Ferri, Stoppa che è un lusso di esperienza e qualità, Santarelli e varie giovani che però già da qualche anno calcano i parquet di A2 e anche A1 come Chicchiesiola, alla quale si aggiungono Colombo e Monaco, che anche stanno facendo molto bene, insomma una squadra soprattutto in casa fastidiosa per tutte. Scontato che non vorranno certamente interrompere la striscia positiva, ma anche noi vogliamo riprendere il 2019 come abbiamo concluso il 2018, provando a fare una buona partita cercando di far valere le nostre armi e non subire le loro, è chiaro che c’è stata di mezzo la pausa natalizia e ci sono tante variabili, questo però vale per entrambe le squadre».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,875 sec.

Inserire almeno 4 caratteri