B femminile
domenica 20 maggio 2018
BASKET
Con una grande difesa la Pallacanestro Bolzano vince la prima

Il primo passo è compiuto. La Pallacanestro Bolzano sfrutta per l'ennesima volta il fattore campo e supera per 50-35 il Tigers Parma nella gara di andata della finale che vale la promozione in serie A2. Le difese arcigne hanno tenuto basso il punteggio, ma altissima l'emozione. Nel momento decisivo Greta Rossetto ha suonato la carica per le Sisters con due "superbombe", poi un bel finale ha fissato il risultato sul +15.

La cronaca


Entrambi gli staff tecnici hanno preparato la gara con molta attenzione. Le Tigers Parma, seppur sportivamente dispiaciute, hanno sfruttato l'assenza precauzionale per infortunio della top scorer bolzanina Villarruel, cercando quindi di marcare in maniera asfissiante l'altra fonte di gioco offensiva, identificata per l'occasione in Nadia Mossong. Coach Pezzi, invece, aveva messo in guardia le sue atlete circa le straordinarie doti realizzative di due emiliane, la guardia Accini e l'ala Vaccari, regolarmente abbonate a punteggi over 20. Il coach ospite Lopez ha optato per un alternanza tra difesa individuale e "box and one" su Mossong. La panchina delle Sisters ha preferito alternare la difesa individuale con una zona 3-2 molto aggressiva. Entrambe le tattiche hanno avuto successo, rendendo equilibrata la partita ed avvincente l'alternarsi del punteggio. I canestri sono stati frutto di vere "imprese" da una e dall'altra parte, complice anche un arbitraggio ottimo ma interpretato da due giovani che in tutta la stagione hanno diretto solo incontri maschili, nei quali il contatto fisico viene fischiato assai di rado.
La cronaca vede Bolzano partire decisa con belle penetrazioni di Consorti, ma Accini sull'altro canestro trova spazio per alcune buone conclusioni. Il primo quarto si conclude in parità (15-15). Il secondo vede il primo importante allungo delle padrone di casa, che registrano la difesa e paiono più ispirate in attacco. Ma alcune indecisioni e l'indubbia classe delle ospiti annullano la prima fuga e gli spogliatoi accolgono le giocatrici per il riposo di metà gara sul 25 a 22.
Gli assetti tattici non cambiano, mentre aumenta progressivamente la pressione difensiva delle ragazze di Sandro Pezzi, che trovano la lucidità anche di piazzare una seconda fuga, portandosi sul 38-28. Il marcamento molto focalizzato su Mossong apre buone possibilità di realizzazione per le compagne di squadra, non sempre sfruttate al meglio. Parma tenta di accorciare nuovamente, si porta sul 40-33, ma prima un canestro della rinfrancata Gottardi e poi una bomba di Rossetto tengono lontane le parmensi. Il finale si cristallizza sul 50-35, lasciando intatte le speranze per le Sisters di fare una buona gara in terra emiliana.
Per Parma grande prova di Accini, miglior realizzatrice della gara (17) e brillante prova di Vaccari, che seppur attentamente marcata, ha fatto intravvedere lampi di bel gioco. Da menzionare anche l'ottima preparazione tattica che il coach parmense Lopez ha trasmesso alla squadra.
Per Bolzano grande prova di Greta Rossetto (12 rimbalzi e 10 punti), MVP della gara e stupenda performances difensiva di Miriam Hafner, decisiva nell'oscurare la luce del canestro proprio ad Accini nella seconda parte della gara. Menzione d'onore per Benedetta Consorti, che ha compiuto la stessa operazione con Monica Vaccari, oltre a rendersi pericolosa come richiesto in attacco. Grande prova anche per Nadia Mossong, che marcata strettamente si è messa a disposizione del gruppo in difesa ed a rimbalzo.

Le dichiarazioni


«Sono molto soddisfatto per il successo. - afferma Sandro Pezzi - La tensione per questa partita era palpabile ed ha penalizzato entrambe le squadre. Gli staff tecnici hanno preparato la partita in maniera attenta, annullando di fatto le fonti del gioco avversario. L'intensità del gioco è stata straordinaria, minime sono state le possibilità di tirare senza opposizione. In partite come queste la palla pesa tre volte più del normale. La bellezza dei playoff non è nella performances tecnica, ma risiede nel coinvolgimento emotivo che le due squadre manifestano in campo. E quando due formazioni difendono come Bolzano e Parma, lo spettacolo assume un tono quasi epico. Sono entusiasta di come le mie Sisters abbiano affrontato la gara, seppur senza Gisel (top scorer del campionato), che tornerà in squadra per la gara di ritorno a Parma. Le ragazze hanno difeso in maniera perfetta ed in attacco, seppur in una giornata non felice al tiro, hanno realizzato canestri dall'importante peso specifico. Ora prepareremo con cura la gara di ritorno, migliorando alcune scelte e facendo tesoro dell'insegnamento colto ad Ancona in semifinale».


Il tabellino

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,453 sec.

Inserire almeno 4 caratteri

Foto di Lucia Bortolotti