B femminile
domenica 20 maggio 2018
BASKET
Cestistica, il primo round è di Ponzano, di misura (53-52)

La Cestistica Iiriti Music Group ha cominciato la propria avventura nella finale dei playoff per la promozione in serie A2 con una sconfitta di misura (53-52) sul campo di Ponzano. Le squadre si erano già incontrate nella fase di qualificazione, ma, per una lunga serie di circostanze, il tabellone dei playoff preparato da FIP le ha messe nuovamente di fronte nel momento che decide un'intera stagione. Le venete si erano forse aggrappate al miraggio della larga vittoria del girone di ritorno, convinte di avere vita facile in finale dopo il sofferto passaggio del turno con Firenze. I playoff, però, sono tutta un'altra storia: da Riva del Garda è partita una squadra vera, compatta e determinata a giocarsi fino all'ultimo secondo il sogno della A2, che nella gara di ritorno potrà giocarsi tutte le proprie carte.

La cronaca


Coach Matassoni parte con Piva, Bonvecchio, Piermattei, Albanese e Coser, dato che la brindisina Ermito, ancora alle prese con un grosso problema muscolare, ha provato la tenuta della gamba destra nel riscaldamento, ma ha dovuto rinunciare al match.
Le padrone di casa sono cariche, sostenute da un folto e caloroso pubblico, e si portano sul 4-0 in un solo minuto con Brotto e Schiavon. Albanese e Piermattei chiudono subito lo strappo ed il tabellone segna 6-7 al quarto minuto. Matassoni getta sul parquet la piccola Marchi, Ponzano si porta sul 12-7, ma la giovane rivana mette a segno 5 punti consecutivi che, insieme ad un bel canestro di Coser e ad un long-two di Reversi, chiudono il quarto sul 17-16 in favore delle venete.
Nel secondo periodo Bonvecchio e Reversi provano un allungo, le giraffine vanno avanti 19-22 e le biancoverdi di coach Sottana faticano moltissimo in attacco: la difesa individuale rivana si muove perfettamente, a riprova del fatto che, in riva al Benaco, la partita è stata preparata con attenzione: continui aiuti e cambi difensivi arginano il talento offensivo avversario e costringono Ponzano a scelte di tiro a bassa percentuale. Una tripla di Schiavon pareggia sul 22-22, ma Piermattei e Piva, che si iscrive a referto in quel momento, ricacciano le avversarie a -4 sul 22-26, prima che un libero di Coser ed un bel canestro di Fadanelli allarghino il gap fino al +7 sul 22-29. L'esperta Diodati però non ci sta, risponde all'aggressiva difesa di Bertoldi e con un appoggio al ferro ed una bomba ricuce lo strappo sul 27-31, che manda le squadre negli spogliatoi.

Dopo la pausa lunga si riparte con lo stesso agonismo: la partita è intensa, ben diretta dagli uomini in grigio piemontesi e ulteriormente riscaldata da uno sparuto ma rumoroso manipolo di supporters rivani, che hanno immolato alla causa biancoblù le proprie corde vocali per sostenere senza sosta le giraffine. Dopo un solo minuto Coser, scavigliata in un'azione difensiva, è costretta a uscire dal campo; Piva e Albanese non si fanno pregare ed annullano il tentativo di Diodati e Pasa di riportarsi in parità: dopo 3 minuti il tabellone segna 30-35, Bonvecchio stoppa in recupero la giovane Pasa e nell'azione successiva segna i due liberi del 30-37. Il duo Matassoni-Civettini mette in campo la piccola Chemolli, che cancella Milicevic, e Vicentini che si occupa di Brotto ma sul fronte opposto è Pizzolato a guidare la riscossa di Ponzano: con Pasa e Schiavon recuperano lo svantaggio ed il quarto si chiude sul 41-41.
Nell'ultimo periodo l'acciaccata Coser (rimessa in piedi a tempo di record da Tommaso Cortesi) si presenta con una super difesa su Brotto; Piva va a segno ma Brotto riporta Ponzano sulla parità (43-43); a 7 minuti dalla fine Bonvecchio serve un assist spettacolare a Albanese che segna in rimorchio; Coser va al ferro con forza per il 43-47, ma Diodati mette un'altra bomba per il 46-47. Le difese diventano ancora più intense, Fadanelli recupera un pallone d'oro, ma sulla rimessa la palla va alle avversarie che però perdono il possesso grazie ad una rubata d'astuzia di Piermattei. A 5 minuti dal termine Piva segna su un fantastico assist di Fadanelli il canestro del 46-49, ma ancora una volta è Diodati che reagisce, inventandosi un assist da applausi per Callegari, che concretizza il 48-49 a 3 minuti dal termine.
Un minuto dopo Brotto mette a segno i due tiri liberi del sorpasso (50-49) e Pizzolato segna il canestro del 52-49. Piermattei subisce un fallo in attacco che la porta in lunetta: la bionda spezzina è gelida dalla linea della carità per il 52-51 a 1:14 dalla fine. Dopo 30 secondi, con una stoppata favolosa, Fadanelli spazza via dal campo un contropiede avversario; sul ribaltamento di fronte subisce un fallo in attacco, sbaglia il primo tiro libero ma mette a segno il secondo per il 52-52 quando mancano 30 secondi alla fine.
Brotto prova ad attaccare, subisce un fallo ad opera di Bonvecchio e va in lunetta per due liberi: segna il primo, sbaglia il secondo e sul rimbalzo la palla esce per un tocco di Albanese. Coach Sottana chiama Time Out sul 53-52 quando mancano 11 secondi al termine, Riva difende con i denti ma non riesce a recuperare la palla e la sirena chiude il match sul 53-52: la grande esultanza veneta per la vittoria è compensata dalla soddisfazione biancoblu per la minima differenza nel punteggio.

Le dichiarazioni


«La formula dei playoff è davvero interessante. - commenta la presidente Consolati, che ha vissuto dalla panchina questo bellissimo match - La finale è praticamente una partita in 8 quarti e per noi significa che domenica 27 al Palagarda partiamo da una sostanziale parità: ci giocheremo tutto in 40 intensissimi minuti di fronte al nostro pubblico. Sarà uno spettacolo da non perdere: le nostre avversarie sono certamente sotto pressione mentre noi abbiamo la possibilità di giocare serenamente al 100% delle nostre potenzialità».
«Questa squadra ha un grandissimo carattere - chiosa coach Matassoni - Abbiamo dimostrato un'eccellente tenuta mentale ed abbiamo giocato allo stesso livello tecnico di un'ottima squadra come Ponzano. La determinazione delle compagne mi ha permesso di tutelare Ermito, lasciandola in panca l'intero match per averla al 100% nel momento decisivo».


Il tabellino

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,436 sec.

Inserire almeno 4 caratteri