B femminile
giovedì 31 agosto 2017
BASKET
È Mossong l'ultimo colpo di mercato della Pallacanestro Bolzano

Le Sisters, per affrontare il nuovo campionato di serie B nel migliore dei modi e per migliorare la posizione conquistata nella scorsa stagione, cambiano i termini tecnici del loro gioco e per dare intensità e profondità alla manovra scelgono una atleta di spessore internazionale. I dirigenti bolzanini riescono nell'impresa di ingaggiare Nadia Mossong, ala grande nata in Lussenburgo il 9 aprile 1986 e nella scorsa stagione in forza allo Saarlois Royal (DBBL). 184 CM, atleta rapida e versatile, Nadia gioca sia vicino a canestro marcando le lunghe avversarie che lontano da canestro sfruttando il suo ottimo tiro da tre.

La biografia


La storia sportiva di Nadia Mossong inizia in Lussenburgo, cuore dell'Europa e paese con influssi tedeschi e francesi. Il basket è un gioco importante in mezzo alle banche di questo Granducato e Nadia si mette subito in evidenza suscitando l'interesse di alcune università americane. L'attenzione della giocatrice cade su E. Kentucky University, dove l'atleta rimane per quattro anni dando dimostrazione di saperci fare con la palla a spicchi e con i libri. Con il conseguimento della laurea americana si concretizza il ritorno in Europa di Nadia, che partecipa a diverse edizioni dei Campionati europei nella veste di capitana del Lussenburgo. Poi esperienze in Francia e negli ultimi anni nella serie A germanica, vestendo prima la casacca delle Wilcats Chemnitz e successivamente delle Saarlois Royals. La ragazza è un esempio di cittadina europea, con grande padronanza del tedesco e del francese e con l'inglese parlato fluentemente. Manca solo l'italiano e Pallacanestro Bolzano ha offerto a Nadia l'opportunità del poker linguistico.
Una forte spinta verso l'Alto Adige è anche arrivata dalla sorella della giocatrice, attualmente archeologa a Monaco di Baviera e professionalmente molto vicina all'Italia che ha esplorato in molte sue parti. Anche Nadia non ha saputo resistere al fascino dell'Alto Adige, terra di confine tra due culture, che si intrecciano, molto simile al suo Granducato di origine.
Ci sono delle partite che descrivono le giocatrici e che rappresentano una sorta di biglietto da visita. Per Nadia Mossong l'apice della prestazione è stata sicuramente l'Europeo del 2016, la partita Serbia contro Lussenburgo, Golia contro Davide, (72-51) dove la nuova Sisters ha realizzato 18 punti ed ha catturato ben 7 rimbalzi.
Prova straordinaria, non facilmente ripetibile. Ma a Bolzano molti sperano che la ragazza non sia come il grande musicista Paganini.

Le dichiarazioni


«Sono molto soddisfatto per questo arrivo. - afferma l'allenatore Alessandro Pezzi - Si tratta di una ragazza con stile ed educazione, ricca di valori e di cultura. Dal punto di vista tecnico sono poche le cose che Nadia non sa fare bene. Ottimo tiro, grande rapidità, altruismo e difesa sono alcuni suoi punti di forza. Sono sicuro che l'arrivo di quest'atleta, forte di una grande esperienza internazionale, sarà di grande utilità a tutte le nostre giocatrici ed alle nuove leve che già numerose hanno seguito i suoi allenamenti».
«La mia soddisfazione è grande. - ribadisce Alessandro Grazioli - Abbiamo integrato nella squadra un'atleta di spessore internazionale come Nadia Mossong per sostituire Karolina Piotrkiewitz, una giocatrice che nella scorsa stagione ci aveva consentito di raggiungere i massimi traguardi che ci eravamo prefissi. KP rimane nelle nostre file, ma non è riuscita a darci una garanzia a 360 gradi, di qui la ricerca di questa top player che siamo riusciti a coinvolgere nel nostro progetto. Sono sicuro che il trio Villaruel, Mossong e Gottardi ci consentirà di toccare senza eccesivi patemi d'animo i 60 punti in attacco. E con la conferma della nostra buona attitudine difensiva cercheremo di regalare e regalarci qualche soddisfazione nel corso della stagione. Comunque lancio altre due possibili rivelazioni: Rossetto e Bertol».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,469 sec.

Inserire almeno 4 caratteri

Foto di Lucia Bortolotti