Divisione Nazionale C
sabato 6 dicembre 2014
BASKET
Piani, domenica arriva il forte Orange1 Bassano

Settimana di rivoluzione e ancora cambiamenti per i pianisti. Aspettando Bassano i Piani trovano un nuovo coach, Deborah Fiorani e un nuovo compagno di squadra, lo statunitense Denarius Darby. Ma, dopo due ottime notizie, per non sbagliare, ne arrivano altre meno buone. D’altro canto l’annata ha già avuto più volte modo di dichiararsi sfortunata e, ha visto ancora due infortuni nel giro di pochi giorni: capitan Torboli e Stefano D’Alessandro.
Poco altro si può aggiungere su un gruppo che non trova tregua dall’inizio della stagione, se non che oggi, speriamo tutti, sia la volta buona per ripartire. Soprattutto per quei ragazzi che nelle ultime due settimane si sono stretti fra loro, dimostrando di voler ancora giocare, senza darsi per vinti. I pianisti al momento sono ultimi in classifica, avendo nel proprio bottino solo 2 punti. 
Lo scorso weekend hanno retto per 30 minuti contro la Virtus Padova, mollando solo nell’ultima frazione di gara. Domenica al PalaMazzali, invece, arrivano i veneti dell’Orange 1 Bassano ed è assolutamente vietato mollare, anche perché i bassanesi hanno dimostrato più volte di dare il meglio proprio negli ultimi minuti di gara.
La Orange è una formazione che vive un buon momento: il gruppo è costituito da tanti giovani, classe  ’96-97, e 4 giocatori più esperti, di livello, tra cui Crosato con i suoi 15,4 punti a partita e 12 rimbalzi, il play Camazzola Mirko con quasi 3 assist a gara, Gallea e D’incà. Tra quei giovani, poi ce ne sono alcuni molto interessanti, tra cui il lungo Guisse, anno 1995, 204 cm di altezza che ha collezionato finora 11,5 punti e circa 8 rimbalzi a partita. 
I veneti arrivano a Bolzano dopo aver vinto di misura con una delle squadre favorite, la Falconstar Monfalcone che si è presentata a Bassano in seconda posizione, ma ha dovuto alzare bandiera bianca di fronte all’entusiasmo e alla grinta dell’Orange 1, soprattutto negli ultimi 5 minuti di gara. 
Sarà una dura prova quella che aspetta i pianisti, sul banco ci saranno diverse cose: un nuovo equilibrio da trovare, due punti, se possibile, da vincere e un ospite molto agguerrito che ha fame di vittoria, avendo 8 punti in classifica e la consapevolezza, ora, di poter fare di più.

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,719 sec.

Inserire almeno 4 caratteri