SporTrentino.it
A2 femminile

L’Alperia Bolzano sfida a Vicenza la seconda della classe

Trasferta insidiosa quella che propone la 6ª giornata di serie A2 a capitan Servillo e compagne, che nel posticipo in programma domenica 8 alle 18 sfiderà il Velcofin Vicenza, una realtà storica del basket femminile nazionale, avversaria di lungo corso del Basket Club Bolzano. Un team che in questa stagione sta veramente sbaragliando il campo.
Nel campionato 2019-2020, chiuso anzitempo in marzo per l’emergenza sanitaria Covid-19, la squadra era riuscita a collezionare solo due vittorie, mentre quest’anno, dopo cinque partite disputate, vanta già 8 punti con 4 vittorie ottenute, che le consentono di guardare dall’alto della classifica tante avversarie anche più accreditate. Al momento è infatti in seconda posizione in condivisione con Udine, unica squadra fino ad ora capace di batterla, alla quarta giornata con un 69-60.
Per il BCB si tratta indubbiamente di una partita difficile, innanzitutto per il valore delle avversarie, ma in particolare per la mancanza di una giocatrice fondamentale nel gioco bolzanino, il centro croato Lorena Molnar, che nell’ultima partita ha subito un brutto infortunio, del quale ancora non si conosce la reale entità. Mancando quindi una pedina di grande spessore la squadra dovrà rivedere completamente la tattica e soprattutto reagire alla situazione, dimostrando carattere e coesione.
Ex di turno della partita è Anna Profaiser, che nell’ultimo campionato ha militato tra le fila vicentine.

«Vicenza è senza dubbio la squadra rivelazione del torneo insieme a Udine in questo inizio di campionato. - dice Roberto Sacchi - Quattro vittorie nelle prime 5 gare, compresa l'ultima sul difficile campo di Milano, che si è invero presentata in campo priva di tre elementi chiave, parlano da sole. Rispetto alla passata stagione è rimasta la sola capitana Monaco, poi sono arrivate da Udine la giovane Vella, da Marghera l’argentina Villaruel, da Montecatini Lazzaro, da Costa la lunga Tibè e da Ponzano Gobbo. Molto bene sta facendo Tagliapietra, al rientro dall'infortunio dello scorso anno. Si aggiungono poi le giovani del vivaio. È chiaro che vincere ha dato morale e consapevolezza a questo gruppo sicuramente solido ed esperto, che potrà fare molto bene. Noi dovremo dimenticare alla svelta la brutta figura di sabato, metabolizzare l'infortunio di Lorena e cominciare a prendere più fiducia e consapevolezza nei nostri mezzi».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,141 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video