SporTrentino.it
A2 femminile

Acciaierie Valbruna lente allo start e ko a Civitanova

Partita strana, quella giocata sabato sera a Civitanova Marche dalle Acciaierie Valbruna Bolzano. Le biancorosse hanno disputato un primo quarto da dimenticare, un secondo figlio del primo, poi hanno costruito un'importante rimonta, che ha riaperto completamente la gara nel terzo ed un ultimo quarto, quello in cui il pallino le è nuovamente sfuggito di mano.

La cronaca

Civitanova Marche, dopo la severa sconfitta a Faenza, scende in campo con il coltello tra i denti e con la voglia di dimostrare il proprio valore. Bolzano, reduce dalla vittoria contro Pistoia, non dimostra altrettanta fame di vittoria ed invece della sciabola cerca di usare il fioretto. Difesa "molla" e spazio alle tiratrici avversarie generano un pesante primo quarto finito 29-12, figlio anche di imprecisione al tiro e qualche palla persa di troppo. Partita in salita nonostante l'alternarsi delle difese bolzanine, gambe e testa sono da altre parti. Il secondo quarto non vede sostanziali variazioni, con Civitanova che tiene le briglie della partita e Bolzano in affanno. La pausa di mezza gara (46-30) fotografa il dominio delle padrone di casa.
Negli spogliatoi Bolzano stringe un patto per aumentare intensità e coraggio per tentare la rimonta. La squadra entra in campo trasformata e punto dopo punto arriva a ridosso delle padrone di casa (54-55), rimettendo di fatto in gioco gli esiti della gara, che rimane sostanzialmente aperta fino a quando le ragazze di Civitanova si producono in un perentorio allungo finale, decisivo per gli esiti dell'incontro. La sirena finale premia le biancoazzurre marchigiane, parse determinate e molto precise e castiga oltremisura le Sisters, che non hanno trovato il bandolo della matassa di questa gara.
Per Civitanova Marche grande gara della guardia Paoletti (25), sicuramente MVP della gara, ben assecondata da quattro ottime cecchine come Castellani (11), Bocola (13), Bolognini (11) e Rosellini (11). Per Bolzano degna di menzione solo Villarini (12) limitata dai falli e Kuijt (19), che solo a tratti è riuscita ad esprimersi ai propri livelli.

Le dichiarazioni

«Difficile essere contenti della gara. - dice Sandro Pezzi - Siamo partiti nel peggiore dei modi, con una difesa molto approssimativa. Le avversarie sono state brave a punire tutte le nostre distrazioni. Subire 46 punti nei primi due quarti significa portare un fardello troppo grande per vincere questa gara. Mi è piaciuta la rimonta che da -18 ci ha portato a -1 riaprendo di fatto i giochi, ma lo sforzo lo abbiamo pagato negli ultimi minuti, nei quali ci è mancata la necessaria lucidità per tentare di vincere la gara. Ho fatto i conti alcune prestazioni fantasma, come quelle di Chiabotto e Fabbricini, ed altre, tante peraltro, che difficilmente raggiungono la sufficienza. Molte giocatrici non erano presenti in campo. Penso che l'atteggiamento debba essere diverso, sia nella gestione difensiva sia nella scelta dei temi di attacco.
Per noi, che siamo nuovi del girone e del campionato, è indispensabile giocare ogni palla con attenzione e determinazione. Dobbiamo contrastare ogni conclusione avversaria ed essere incisivi in ogni parte del campo. Non possiamo permetterci rilassamento ed approssimazione. Quindi voglio una pronta reazione da parte delle Sisters, ricordando questa partita solo per la rimonta ma non certo per il gioco che abbiamo espresso. In settimana approfondiremo la prestazione, allo scopo di non ripeterla».0

Fe.Ba. Civitanova - Acciaierie Valbruna Bolzano 83-67 (29-12, 46-30, 60-56)
FE.BA. CIVITANOVA MARCHE: Coccola, Rosellini 11, Paoletti 25, Angeloni, Bocola 13, Rimi 4, Trobbiani 4, Castellani 9, Severini, Bolognini 11, Binci 6, Pellicetti. All. Dragonetto
ACCIAIERIE VALBRUNA BOLZANO: Luppi, Kuijt 19, Chiabotto 4, Piermattei 2, Fabbricini 7, Bonvecchio 7, Assentato 10, Hafner 4, Marcello 2, Villarini 12. All. Pezzi

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Classifica

Notizie

Foto e video