B femminile
venerdì 19 luglio 2019
BASKET
Nadia Mossong sarà ancora la colonna portante delle Sisters

Nadia Mossong, capitana della Nazionale ed autrice l'anno scorso di un campionato strepitoso in serie A2, ha rinnovato il proprio vincolo con le Acciaierie Valbruna Bolzano. Nadia si è travata benissimo a Bolzano assieme alle Sisters e non ha esitato ad apporre la firma sul contratto che per lei significa a tutti gli effetti la "cittadinanza onoraria".
Il campionato l'ha vista protagonista con 15,52 punti di media e la bellezza di 10,2 rimbalzi a partita. Nel tiro da tre Nadia si è rivelata una delle migliori specialiste con un 37,25%, ottima anche la prestazione ai tiri liberi con oltre l'80%. Una serie di numeri che consentono a Nadia di abitare nel ristretto novero delle Top 10 della serie A2. Molti i club italiani ed esteri che l'hanno corteggiata, ma Nadia ha lasciato parlare il cuore confermando la propria presenza a Bolzano anche nella prossima stagione, per dimostrare di saper nuovamente interpretare il ruolo da protagonista.

Dopo quattro anni negli Stati Uniti a Kentuky University, dove si è brillantemente laureata, ha disputato numerosi campionati in importanti top team in Germania ed in Francia. Ala di 183 cm, Nadia unisce ottimo tiro ad una predisposizione naturale al rimbalzo. Può essere impiegata sia come 3 che come 4 e predilige marcare giocatrici lunghe. Ha partecipato a numerosi Campionati Europei e resta negli annali la sua prestazione contro la Serbia Campione di Europa, dove, alla guida del piccolo Lussenburgo, realizzò ben 18 punti, catturando 7 rimbalzi rendendo la vita difficilissima al Golia balcanico.
«Si tratta di una notizia che ci rende felici. - commenta l'allenatore Alessandro Pezzi - Molti Club le facevano la corte, ma Nadia non ha avuto dubbi. Si è legata alla nostra città, alla squadra ed alle Sisters ed ha rifiutato importanti offerte. Parlare di lei come giocatrice è un piacere. Sono poche le cose che non sa fare. Ottimo tiro, spiccato altruismo, grande rimbalzista, veloce in contropiede. La giocatrice che tutti vorrebbero avere. Difficile trovarla nel posto sbagliato, come difficile muovergli qualche appunto. Oltre ad essere una grande atleta, è anche una donna allegra e determinata. Sono in contatto con lei quotidianamente per valutare il profilo dell'eventuale seconda straniera ed al mattino è sempre in palestra».
Nadia è attiva in un comitato ristretto organizzato dalla FIBA per atlete delle varie nazionali (Raffaella Masciadri è la rappresentante italiana), nel quale vengono affrontati importanti temi di carattere sociale e sportivo: parità tra generi nello sport, collocazione delle atlete professioniste dopo la fine della carriera sportiva, temi legati alla salute ed alla prevenzione, seminari tecnici e diffusione della pratica sportiva femminile in Europa. Un impegno a livello universitario, che porta le atlete di questo gruppo in diverse sedi internazionali, allo scopo di assumere informazioni e presenziare ad importanti seminari.
«Ho Bolzano nel cuore - ci ha detto - e non ho riflettuto molto prima d confermare la mia firma sul contratto. Bolzano è una città magnifica, di respiro internazionale e mi sento quasi a casa. Ho ricevuto stimoli che credevo di aver perso, allegria ed entusiasmo, oltre ad una vera amicizia. Quindi voglio dare il mio contributo, sicura di poter migliorare assieme alla squadra. Ho appreso con piacere dell'arrivo di alcune giovani molto interessanti come Giangrasso, Assentato e Fabbricini. Le terrò sotto pressione, cercando di trasferire loro l'amore per il duro lavoro. Puntiamo a fare un ottimo campionato e l'obbiettivo dichiarato della nuova stagione è la promozione».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,125 sec.

Inserire almeno 4 caratteri