Legabasket A
sabato 2 febbraio 2019
BASKET
Finale da brividi, vince la Dolomiti Energia 74-71

Vittoria sofferta e pesante per la Dolomiti Energia Trentino, che supera in casa l’Openjobmetis Varese 74-71 nella 18ª giornata di campionato. I bianconeri, avanti per tutti i 40’, trovano nel finale le stoccate per chiudere una partita che Varese aveva saputo rimettere in gioco con un secondo tempo in crescendo.
Sei giocatori in doppia cifra per la Dolomiti Energia, che ha trovato in capitan Forray il baluardo su cui contare durante il tentativo di assalto dei lombardi: 14 punti (4/8 da tre) per Toto, ma grande contributo anche da Gomes (11 punti, 10 rimbalzi, tre assist e una stoppata) e Craft (11 punti, sei rimbalzi e 3 assist), ancora una volta glaciale nell’ultimo quarto nel trovare le giocate della vittoria.

La cronaca


I bianconeri cominciano subito con il piede giusto, soprattutto in difesa: Varese nei primi 10’ segna appena 9 punti, non trova il bersaglio da 3 (0/7) e la Dolomiti Energia ne approfitta scappando sul 16-9 grazie alle triple di Gomes e Marble e grazie ad un paio di grandi giocate difensive di Craft e Gomes.
La reazione dell’Openjobmetis arriva in apertura di secondo quarto, quando Ferrero, Avramovic e Natali improvvisamente trovano confidenza con il tiro da lontano (23-20): a quel punto è di nuovo il terzetto formato da Hogue, Gomes (tripla) e Marble (9 all’intervallo lungo) a rimettere in carreggiata la squadra di casa e condurre per mano i bianconeri al 37-26 di metà partita.
Varese però non ha intenzione di alzare bandiera bianca: Archie suona la carica con due triple consecutive, Avramovic e Scrubb sono pronti a dargli manforte e minare le certezza della Dolomiti Energia. Forray tiene avanti i suoi con due triple, ma i biancorossi non smettono di avvicinarsi e con un canestro a fil di sirena di Iannuzzi arrivano firmano il 52-50 con cui si entra nell’ultimo quarto.
Gli ultimi 10’ sono da cuori forti: i bianconeri trovano in Forray e Hogue le proprie colonne portanti, ma tutte le volte che i trentini sembrano pronti a scappare via vengono infilati dai canestri di un Avramovic in costante crescita. Una tripla di Craft sembra spezzare l’equilibrio (69-63), ma Varese con un’altra fiammata torna in scia: Hogue esce per falli, Archie sbaglia due liberi, ma Avramovic punisce di nuovo la difesa di Trento (72-71). I liberi di Craft questa volta sono quelli decisivi: la preghiera del serbo non trova il bersaglio e i bianconeri esultano con i 3.500 della loro arena.

Le parole di Maurizio Buscaglia


«Avevamo grande voglia di portare a caso il risultato, e lo abbiamo fatto al termine di una partita dura, tosta, che per noi per è stata di grande consistenza. Nei 40’ si sono affrontate due squadre che non mollano mai, aspetto che è nel DNA sia di Trento che di Varese: abbiamo cominciato bene, con grande energia e grande attenzione in difesa, poi siamo cresciuti in attacco con ottima circolazione di palla, coinvolgendo tanti giocatori diversi. E poi abbiamo reagito ai nostri momenti di difficoltà con compostezza e con grande presenza mentale».

© www.sportrentino.it - strumenti per i siti sportivi - pagina creata in 0,11 sec.

Inserire almeno 4 caratteri